Alimentazione con latte intero - gestita correttamente!

Somministrare il prezioso latte intero ai vitelli è un gioco da ragazzi con il giusto concetto

I vitelli hanno bisogno di tanto latte per crescere! Su questo non v’è dubbio. Tuttavia vi sono 1.000 concetti diversi sulla modalità di somministrazione del latte. Come latte scremato in polvere, siero di latte in polvere, bevanda allo yogurt, latte intero acidificato, latte intero pastorizzato, alta concentrazione, bassa concentrazione con e senza integrazioni, ... troppe opzioni!

Questo articolo riguarda

  • vantaggi e svantaggi dell'alimentazione con latte intero
  • la questione della disponibilità di latte intero
  • le possibilità della pastorizzazione
  • stoccaggio del latte intero e alimentazione agli abbeveratoi automatici

Potrebbe essere così semplice: Diamo al vitello quello che Madre Natura prevede: il latte della madre!

Vi sono però molte restrizioni sull'uso del latte intero nelle bevande per vitelli:

  • Il latte è troppo costoso da somministrare.
  • È complicato trasportare e riscaldare il latte intero.
  • La pulizia dell'attrezzatura di alimentazione è dispendiosa.
  • Il latte deve essere conservato in frigorifero.
  • La qualità del latte è spesso discutibile.
  • Mancano componenti importanti (ferro e vitamine).

D'altra parte, vi sono vantaggi che parlano a favore del suo impiego nelle bevande per vitelli:

  • Il latte contiene un'alta percentuale di caseina altamente digeribile.
  • Un'elevata assunzione di latte (ad libitum) è spesso possibile solo con il latte intero.
  • Il latte intero contiene molte sostanze probiotiche e immunoglobuline, anche dopo la fase del colostro.
  • Il latte non commercializzabile è disponibile gratuitamente.
  • Il latte contaminato da germi può essere somministrato senza problemi dopo la pastorizzazione.
  • Il latte intero è disponibile in tutte le aziende casearie.

In questo confronto, è evidente che sono soprattutto i problemi tecnici a ostacolare l'uso del latte intero nella stalla dei vitelli, ma che d'altra parte prevalgono i vantaggi nutrizionali-fisiologici.

Pertanto, se le possibilità tecniche di trasporto, trattamento dei germi, stoccaggio e alimentazione potessero essere risolte in modo ottimale, il latte intero sarebbe l'alimento ideale per i giovani vitelli.

Problema 1: Separazione del "latte per vitelli" nella sala di mungitura

In linea di principio, già nella sala di mungitura devono essere separati cinque diversi tipi di latte:

  1. Latte da bere vendibile e di alta qualità.
  2. Colostro di alta qualità dalla prima mungitura. Dovrebbe essere raccolto separatamente e somministrato direttamente ai vitelli appena nati o raffreddato o congelato in sacchetti di colostro.
  3. Colostro dalla seconda mungitura fino alla fine del periodo di attesa.
  4. Latte non commercializzabile in quanto contaminato da germi e cellule. Attenzione: Il latte di qualità molto scarsa, a volte con cambiamenti visibili nel latte, non dovrebbe essere usato come alimento anche dopo la pastorizzazione.
  5. Il latte di mucca contenente antibiotici non dovrebbe essere usato affatto a causa del rischio di sviluppo di resistenza. Prima di somministrare il latte, per sicurezza può essere effettuato un test di inibizione
Il latte intero scorre nel taxi del latte

Il latte intero per vitelli dovrebbe essere composto dalle frazioni 1) latte alimentare vendibile, 3) colostro e in parte 4) latte moderatamente contaminato dai germi. Questo latte potrebbe essere munto nella sala di mungitura attraverso una seconda linea del latte direttamente in un serbatoio separato o in un taxi del latte pronto all’uso. Questa procedura è standard nei robot di mungitura, tuttavia nelle sale di mungitura convenzionali spesso non viene installata una seconda linea di latte per ragioni di costo.

In alternativa, i contenitori di raccolta del latte potrebbero essere installati nella sala di mungitura, in cui i secchi di mungitura vengono svuotati e poi pompati fuori dalla sala di mungitura con una pompa.

Il primo latte di mungitura o colostro (2), deve essere conservato separatamente in secchi per la mungitura e trattato rapidamente. Purtroppo qui il lavoro manuale è inevitabile. Il latte può poi essere riempito in sacchetti, bottiglie o simili, pastorizzato, raffreddato o immediatamente somministrato dopo il riscaldamento. Vi sono diverse routine, come ad es. il sistema di gestione coloQuick.

Il latte inibitore (5) e il latte di mucche molto malate alle mammelle (in parte 4) dovrebbero essere smaltiti nel liquame quando sono ancora nella sala di mungitura.

Problema 2: Trattamento del latte contenente germi

Come descritto sopra, anche il latte contenente agenti patogeni è usato nell'alimentazione dei vitelli. Se la carica batterica è leggera, non rappresenta un problema se il latte è pastorizzato. La pastorizzazione è un processo termico ben collaudato in cui il latte viene reso privo di germi. Esistono due differenti sistemi:

Processo batch (i cosiddetti pastorizzatori batch)

Il latte viene sterilizzato a 60 - 63 °C per 30 - 70 minuti (contenuto batterico residuo < 0,5%). Questo processo è adatto alle piccole e medie aziende agricole che hanno bisogno di max. 250 l di latte per pasto. A livello tecnico, è relativamente semplice e molto conveniente. Con il taxi del latte, la funzione di pastorizzazione è opzionalmente già inclusa nel dispositivo stesso.

Tuttavia, il processo non è molto efficiente dal punto di vista energetico. Tutta l'energia immessa nel sistema si disperde perché il calore non viene utilizzato quando il latte si raffredda.

Processo flash o processo HTST (i cosiddetti pastorizzatori continui)

Nel processo flash, il latte viene riscaldato a 73 °C e mantenuto a questa temperatura per 15 secondi. I pastorizzatori flash sono progettati per produzioni più elevate. I pastorizzatori di latte di vitello come il MediumFrame o il LargeFrame pastorizzano da 350 a circa 1.500 litri all'ora. Con due scambiatori di calore, i sistemi sono molto efficienti dal punto di vista energetico. Utilizzano il calore generato durante la pastorizzazione per preriscaldare il latte, quindi il fabbisogno energetico è significativamente inferiore a quello del processo a batch. È anche possibile utilizzare il calore residuo degli impianti di biogas o il recupero di calore dal raffreddamento del latte. Questi pastorizzatori lavorano poi in modo estremamente economico e spesso hanno bisogno di meno energia di quella che sarebbe necessaria per portare il latte dalla temperatura di stoccaggio alla temperatura di bevuta.

Flusso di latte nel pastorizzatore HTST - High Temperature Short Time
Flusso di latte nel pastorizzatore HTST - High Temperature Short Time

Tuttavia, questi sistemi sono tecnicamente molto complessi perché, per esempio, sono necessari diversi serbatoi di stoccaggio: Un serbatoio di stoccaggio per il latte crudo, dove arriva il latte separato dalla sala di mungitura, e un serbatoio di stoccaggio per il latte pastorizzato finito.

Il latte pastorizzato finito potrebbe ad esempio fluire in un taxi del latte. Poiché il pastorizzatore flash può essere impostato in modo che il latte arrivi nel MilkTaxi a temperatura di bevuta, è possibile iniziare a nutrire i vitelli immediatamente.

È qui che entra in gioco il MiniFlash. Dispone di un serbatoio integrato per il latte crudo con un volume di 150 o 300 l. Il serbatoio ha un raffreddamento integrato con un sensore di vuoto, un agitatore e una pulizia automatica. MiniFlash è particolarmente adatto per l'impiego in aziende agricole con robot di mungitura. Il latte separato automaticamente viene semplicemente pompato nel serbatoio e poi immediatamente raffreddato lì per mantenere la qualità.

Problema 3: Conservazione del latte separato

Dopo che il latte dei vitelli è stato separato nella sala di mungitura, si pone la questione di come il latte viene conservato e trasportato ai vitelli.

Il modo più semplice è il taxi del latte, in cui il latte viene immagazzinato, portato ai vitelli e poi pompato nei secchi di alimentazione. La flessibilità del sistema del taxi del latte, con le sue numerose opzioni, è già apprezzata in decine di migliaia di aziende agricole.

Ma quando si usano gli abbeveratoi automatici, l'allevatore si trova sempre di fronte a sfide complicate. Innanzitutto, il latte deve essere trasportato alla stalla dei vitelli. Per le brevi distanze, le condutture con impianti di pulizia sono certamente una buona alternativa. Tuttavia, se si devono percorrere distanze maggiori, si può anche usare un taxi del latte per trasportare il latte. In questo modo, i vitelli potrebbero essere nutriti prima nelle singole stalle e poi si potrebbe riempire il serbatoio di stoccaggio all’abbeveratoio automatico, o il MilkTaxi stesso potrebbe fungere da serbatoio di stoccaggio.

In ogni caso, il serbatoio di stoccaggio dell'alimentatore automatico deve avere un sistema di raffreddamento affinché il latte preservi la sua qualità. Temperature di raffreddamento di 4 - 5 °C non sono assolutamente necessarie se il latte viene consumato ogni 12 ore (da una mungitura all'altra). Temperature inferiori a 10 - 12 °C sono spesso sufficienti per mantenere il latte fresco durante quest’intervallo di tempo. Questa temperatura più alta fa risparmiare enormi quantità di energia, perché più bassa è la temperatura di stoccaggio, più alta è l'energia supplementare richiesta per il raffreddamento e il successivo riscaldamento.

Fondamentalmente, vi sono quattro problemi nel collegamento di serbatoi di stoccaggio convenzionali con abbeveratoi automatici:

  1. Quantità residue durante il rifornimento

Succede raramente che il serbatoio del latte sia completamente vuoto al momento del rifornimento. Le quantità residue devono poi essere spostate in contenitori separati e infine somministrate manualmente o smaltite.

  1. Svuotamento prematuro

Il successivo caso comune è il rifornimento di troppo poco latte nei contenitori, cui consegue che l’abbeveratoio non può abbeverare per un certo tempo a causa del serbatoio vuoto.

  1. Formazione di ghiaccio a bassi livelli di riempimento

In ogni caso, i serbatoi del latte progettati per la conservazione del latte di bevuta tendono a ghiacciarsi all'interno a bassi livelli di riempimento perché non vi è un interruzione automatica del raffreddamento.

  1. Pulizia del serbatoio e del tubo

Prima di essere riempito, il serbatoio deve essere pulito. Ciò di solito viene fatto manualmente o, in mancanza di tempo, non viene fatto. Tuttavia, dato che l'igiene e la pulizia sono le basi del successo con i vitelli giovani, questa pratica abbastanza comune è spesso la causa di malattie nell’area dei vitelli. Inoltre, in questo momento anche il tubo che va dall'abbeveratoio automatico al taxi del latte deve essere pulito. In ogni caso, pulire il serbatoio e il tubo significa interrompere l'alimentazione all'abbeveratoio automatico per almeno ¾ - 1 ora.

Alimentazione moderna a latte intero con CalfExpert e DoubleJug

Tutti i problemi sopra menzionati hanno portato al fatto che in passato il latte intero sia stato raramente utilizzato nell'abbeveratoio automatico. I vantaggi nutrizionali sono ben noti, ma gli svantaggi tecnici li superano!

Tuttavia, il nuovo concetto di latte intero di Holm & Laue supera questi problemi e offre un sistema efficiente ed economico con il massimo rendimento.

Il DoubleJug è un serbatoio per il latte con due camere appositamente progettato per gli abbeveratoi automatici per vitelli. L’abbeveratoio automatico CalfExpert preleva il latte da uno dei serbatoi. Se questo serbatoio si svuota, DoubleJug passa automaticamente al secondo serbatoio e il CalfExpert può continuare a nutrire senza interruzioni.

Non appena il primo contenitore è vuoto, viene pulito automaticamente. Poi aspetta di essere nuovamente riempito (per esempio con il taxi del latte o tramite una conduttura). Di norma, si riempiono entrambi i contenitori per sfruttare al massimo la capacità del DoubleJug.

Il vantaggio del sistema a due camere è che il DoubleJug può essere riempito in qualsiasi momento senza dover aspettare il momento esatto in cui il serbatoio del latte è vuoto. Non vi sono quantità residue, né momenti in cui il CalfExpert interrompe l’alimentazione per mancanza di latte.

Il DoubleJug è controllato direttamente dal CalfExpert. La comunicazione diretta tra i due dispositivi ha anche il vantaggio di poter coordinare i cicli di pulizia. La linea del latte tra il DoubleJug e il CalfExpert viene pulita solo una volta al giorno quando viene pulito anche il serbatoio del latte stesso. Questo minimizza i tempi di attesa per i vitelli.

Conclusione

La caseina altamente digeribile del latte intero assicura alti tassi di crescita e prepara l'animale ad alte prestazioni future. Inoltre, l'uso del latte intero implica un contributo attivo alla tutela dell'ambiente, perché la produzione del sostituto del latte usa molta energia per l'essiccazione e il trasporto.

Con un concetto ben studiato, nutrire i vitelli con latte intero non è un problema. La pastorizzazione del latte nel MilkTaxi o nel pastorizzatore flash uccide i germi e garantisce un'alimentazione sicura. Il DoubleJug, una moderna vasca di raffreddamento del latte, è particolarmente adatto a lavorare con gli abbeveratoi automatici. Ciò garantisce la qualità del latte e il buon funzionamento dell'abbeveratoio automatico.