Cosa rende davvero buono il mangime per i vitelli?

Requisiti di un buon mangime concentrato per vitelli

Il mangime concentrato per vitelli dovrebbe contenere almeno 11 MJ ME/kg e circa il 18% di proteine grezze. Il contenuto di fibra grezza e di ceneri non deve superare il 10% ciascuno. È importante osservare una sufficiente mineralizzazione e vitaminizzazione.

I 3 requisiti fondamentali per un buon mangime

Ma i mangimi concentrati per i vitelli non devono solo contenere tutti gli ingredienti necessari, bensì anche soddisfare altri tre importanti requisiti:

  • Devono essere facili da digerire e al contempo sani.
  • Devono essere molto appetibili per stimolare un’elevata assunzione precoce.
  • Devono essere igienicamente impeccabili, perché le difese immunitarie dei vitelli sono ancora in fase di sviluppo.
Crusca per vitelli con misurino
Altamente digeribile e assimilabile

I mangimi per i vitelli devono essere scomposti con metodi di lavorazione speciali in modo tale che i nutrienti contenuti siano facilmente digeribili. A seconda della materia prima, questo avviene tramite calore e/o pressione. Ma di questo parleremo in seguito.

La sfida, tuttavia, è che la digeribilità dei componenti non deve portare a una iperacidificazione del rumine. Piuttosto, si dovrebbero usare componenti che si decompongono lentamente nel rumine e sono quindi delicati per la digestione.

Ciò è particolarmente importante se si ambisce a un’elevata assunzione di concentrato in una fase molto precoce. Questo potrebbe essere il caso, ad esempio, se si abbeverano i vitelli in modo restrittivo (cioè meno di 8 l/giorno) e si intende svezzarli presto dal latte (10 settimane e meno).

Uomo che alimenta con la pala
Gustoso e attraente per i vitelli

Lo scopo del mangime concentrato è quello di fornire ai vitelli il più presto possibile energia e proteine sufficienti per una crescita molto buona. Per questo, i mangimi devono essere molto appetibili e incoraggiare un’assunzione precoce. Dopo tutto, sono i vitelli stessi a decidere quando iniziare ad assumere mangime solido.

Igienicamente impeccabile

Ciò che è facilmente digeribile per il vitello è anche un terreno di coltura ideale per roditori, germi e funghi. Il trattamento termico, ad esempio tramite pellettizzazione, uccide i germi già presenti, ma molti rischi sono presenti anche nello stoccaggio o nel trogolo.

Bisogna assolutamente evitare che il mangime diventi umido. Questo vale sia per la conservazione, sia per l’alimentazione nel trogolo o nel vassoio. Oltre alla pioggia e all’alta umidità, i vitelli stessi causano l’umidità del mangime nel trogolo immergendo ripetutamente il muso nel mangime e giocandoci, piuttosto che ingerendolo. Quindi è importante non avere troppo cibo nella ciotola o nel trogolo. Il trogolo deve essere svuotato giornalmente e gli avanzi di mangime devono essere smaltiti.

Residui di cibo sul muso

Da quali componenti dovrebbe essere costituito il concentrato?

In generale, si fa una distinzione tra mangimi energetici e proteici e componenti minerali/vitaminici.

Componenti energetici

L’amido contenuto nell’avena è molto facilmente assimilabile dai vitelli. La struttura dell’amido nell’endosperma semplifica l’accesso degli enzimi. Inoltre, l’amido viene scomposto lentamente nel rumine e la mucillagine che l’avena sviluppa nel tratto digestivo protegge la parete intestinale.

Poiché anche l’amido del mais viene scomposto lentamente, è altrettanto delicato sul rumine. Peraltro, ai vitelli piace molto il mais. È particolarmente apprezzato nel müsli per vitelli con noccioli interi, poiché ci vuole più tempo per scomporre il singolo nocciolo. Questi chicchi non vengono espulsi nelle feci fino prima delle 10-12 settimane di vita, motivo per cui per i vitelli a partire da questa età dovrebbero essere usati chicchi frantumati o macinati.

Anche cereali come grano e orzo trovano impiego nell’alimentazione dei vitelli. Hanno un contenuto energetico più elevato, ma l’amido viene scomposto più rapidamente, motivo per cui dovrebbero essere usati solo in misura limitata.

La melassa, grazie alla sua dolcezza, è molto attraente per i vitelli. Inoltre, lega la polvere nella miscela e tiene bene insieme i singoli componenti (facendo da collante), il che la rende molto popolare nelle miscele proprie e nei müsli. Tuttavia, se mescolata in quantità molto alte, vi è il rischio di diarrea, motivo per cui se ne dovrebbe mescolare al massimo il 5% nel mangime concentrato.

Anche la polpa apporta zucchero al mangime. Viene assunta volentieri dai vitelli ed è delicato sul rumine.

L’olio di colza e di soia aggiungono energia alla miscela tramite i grassi. Inoltre, legano la polvere. Per ragioni igieniche, tuttavia, la quantità dovrebbe essere limitata a un massimo dell’1%.

Componenti proteici

Soia, colza e piselli, nonché i loro derivati, sono caratterizzati da una composizione di aminoacidi di alta qualità ben assimilabile dai vitelli.

Ciò vale anche per i panelli di semi di lino, che producono anche una mucillagine in grado di proteggere le pareti del tratto gastrointestinale. È anche molto appetibile per i vitelli e viene assunto volentieri.

Vitamine e minerali

Le vitamine A e D sono importanti per la crescita e le difese immunitarie dei vitelli.

Questo vale anche per la vitamina E, che previene anche i processi di ossidazione e di invecchiamento delle cellule.

La vitamina C è nota per essere molto salutare.

E la vitamina B favorisce lo sviluppo del rumine nei giovani vitelli.

Naturalmente, l’apporto di minerali è altrettanto importante. Tuttavia, solitamente i prodotti presenti sul mercato sono persino sovradosati, così che un sufficiente apporto di vitamine e minerali ai vitelli può in realtà essere sempre assunto non appena i prodotti disponibili in commercio vengono impiegati nel dosaggio raccomandato.

Delizioso müsli per vitelli

Trattamento tecnico del mangime

Al fine di ottimizzare i suddetti componenti per l’alimentazione dei vitelli e dei giovani bovini, essi possono essere trattati nel processo di lavorazione.

L’amido dei cereali, ad esempio, viene scomposto tramite processi idrotermali (riscaldamento a vapore) per renderlo più digeribile. Ciò avviene anche per la soia e altre proteine. Qui, si ottiene una migliore digeribilità delle proteine perché alcune sostanze inibitrici della digestione delle proteine vengono demolite.

I processi convenzionali come la pelatura, la macinazione, la frantumazione o la fioccatura assicurano già una migliore digeribilità dei componenti. Inoltre, questi processi portano alla prevenzione dell’acidosi del rumine.

La pellettizzazione sotto pressione e calore riduce anche i germi e impedisce naturalmente la separazione dei singoli componenti.